Promo Moscato d'Autunno Paolo Saracco 2019 Visualizza ingrandito

Moscato d'Autunno Paolo Saracco 2019

Il Moscato d'Autunno Paolo Saracco rappresenta una combinazione di mosti (provenienti al 100% da uve Moscato Bianco Canelli, coltivate direttamente), in cui tutte le caratteristiche del Moscato d'Asti Saracco sono portate al massimo della loro espressione: aromi, equilibrio tra dolcezza e acidità, corpo, mineralità, persistenza.

da 6 bottiglie spedizione gratuita
sconto quantità

Questo prodotto non è più disponibile

14 14,00 €

-0,50 €

14,50 €

6 pezzi
84,00 €
Risparmi
3,00 €
12 pezzi
162,00 €
Risparmi
12,00 €

Dettagli

Denominazione Moscato d'Asti
Classificazione DOC
Vitigni Moscato Bianco, Moscato
Zona di produzione Monferrato Astigiano
Annata 2019
Formato Bottiglia 75 cl
Gradazione 5,5%
Premi e riconoscimenti James Suckling 90+, Robert Parker 90+, Vitae AIS 4 viti, Gambero Rosso 2 bicchieri
Abbinamenti Dolci, Cioccolato, Aperitivi
Affinamento in botte Nessuno
Corpo Leggero
Sentore Frutta-secca
Temperatura servizio 6°-8°C
Nazione Italia
Regione Piemonte
Carta dei vini Sconto Quantità, Offerte, Promozioni, Sconti, Moscato d'Asti, Moscato

Più informazioni

Descrizione del Moscato d'Autunno Paolo Saracco

Caratteristiche di degustazione:
Il particolare Moscato d’Autunno, imbottigliato nella stagione autunnale, viene prodotto da una selezione di mosti.

VITIGNO: Moscato Bianco di Canelli
VIGNETI:  Situati a Castiglione Tinella in Piemonte
VINIFICAZIONE: Dopo la raccolta si effettua una pressatura soffice ai grappoli per mantenere la parte più aromatica del succo di uva, contenuta nella zona più esterna dell'acino. Il mosto viene mantenuto in vasche di acciaio ad una temperatura di -2° C . Dopo la fermentazione a temperatura controllata, microfiltrato e imbottigliato, per mantenere la freschezza e l’aromaticità.

RACCOLTA E STOCCAGGIO - Sottoponiamo l'uva appena raccolta, ad una pressatura soffice.  Questo ci consente di utilizzare solo la parte più aromatica del succo di uva, quella contenuta nella zona pù esterna dell'acino. Raccogliamo il mosto in vasche di acciaio e lo manteniamo ad una temperatura di -3° C. In questo modo il mosto non fermenta. Per noi la raccolta dell'uva e la successiva pressatura sono fondamentali per consentirci di trasferire intatti gli aromi dell'uva nelle vasche di acciaio. Ogni botte corrisponde ad un appezzamento e ad un giorno di raccolta e pressatura. Il mosto rimane anche per mesi nelle vasche di acciaio a tempreatura controllata, fino a quando la domanda di vino ci richiede di avviare il processo di fermentazione ed imbottigliamento. In questo modo il nostro Moscato arriva sul mercato il fresco possibile.

FERMENTAZIONE - Il mosto proveniente da diverse vasche, viene prima combinato e poi trasferito in autoclavi dove si avvia la fermentazione. Questa viene attivata alzando la temperatura e consentendo ai lieviti naturali di avviare la trasformazione dello zucchero in alcol. Quando il contenuto alcolico raggiunge il 5,5 % e si realizza un perfetto equilibrio tra acidità, zuccheri e alcol, la temperatura in autoclave viene abbassata e la fermentazione interrotta. Durante la fermentazione l'anidride carbonica che si forma viene fatta fuoriscire dall'autoclave. Se lasciassimo procedere la fermentazione fino alla trasformazione di tutti gli zuccheri in alcol otterremmo un vino con contenuto alcolico pari al 14%!

MICROFILTRAZIONE ED IMBOTTIGLIAMENTO - Successivamente, il vino viene filtrato attraverso microfiltrazione per conferirgli il massimo della purezza e trasparenza e poi imbottigliato. La pressione in autoclave è di circa 2 atm, e risulterà di circa 1,5 atm dopo l'imbottigliamento. Il contenuto zuccherino in bottiglia è di circa 140 g/L. L'anidride carbonica presente in autoclave a fine fermentazione viene trasferita in bottiglia e consente al Moscato d'Autunno di risultare frizzante.

In conclusione, il processo di vinificazione del Moscato d'Autunno combina tecnologia e massima attenzione al trasferimento in bottiglia delle caratteristiche organolettiche presenti naturalmente nell'uva.


VIGNETI: La proprietà oggi è composta da 46 ettari che si sviluppano in tutte le direzioni attorno al fabbricato della cantina, situato nel cuore del paese. I vigneti sono coltivati per la maggior parte a Moscato; si trovano in posizioni pregiate e vantano piante di età avanzata.


Moscato d'Autunno Paolo Saracco, vini piemonte online, vendita vini piemontesi

Recensioni

50px

"Moscato d'Autunno 2018"

sempre speciale

50px

""TOP""

Moscato d'Autunno super, accompagnato da i buonissimi Biscotti Tattini, #tuttotop
#paolosaracco #pasticceriatattini

50px

"Moscato d'Autunno"

Saracco: il Miglior Moscato in assoluto!!!

50px

"Moscato eccezionale"

PROFUMO: intenso di fiori d'arancio, pesca e timo .

COLORE: giallo paglierino con riflessi verdognoli; perlage fine.

GUSTO: intenso, elegante, persistente. Le sensazioni dolci sono ben equilibrate dall'acidita' piacevole e dagli aromi fruttati tipici dell'uva moscato. Spiccata mineralità

Scrivi una recensione!

Scrivi una recensione

Moscato d'Autunno Paolo Saracco 2019

Moscato d'Autunno Paolo Saracco 2019

Il Moscato d'Autunno Paolo Saracco rappresenta una combinazione di mosti (provenienti al 100% da uve Moscato Bianco Canelli, coltivate direttamente), in cui tutte le caratteristiche del Moscato d'Asti Saracco sono portate al massimo della loro espressione: aromi, equilibrio tra dolcezza e acidità, corpo, mineralità, persistenza.

da 6 bottiglie spedizione gratuita
sconto quantità

12 altri prodotti della stessa categoria: